Lode e Preghiera

Primavera 2022

Tempo di lettura: < 1 minuto

Durante questi primi mesi dell’anno abbiamo continuato ad incontrarci quasi sempre in presenza riflettendo sul libro di Ecclesiaste. Purtroppo, a inizio 2022, abbiamo dovuto rimandare un evento a causa dell’aumento dei contagi, ma non ci siamo scoraggiati.

Nel mese di febbraio abbiamo iniziato a presentare il GBU in una chiesa locale a Parma e nei prossimi mesi vogliamo raggiungerne altre per far conoscere il gruppo e invitare gli eventuali studenti universitari.
Sempre nel mese di febbraio abbiamo avuto la bellissima occasione di organizzare un incontro online con il GBU Messina e il GBU Milano in cui abbiamo pregato gli uni per gli altri.
Stiamo continuando una volta al mese ad uscire in facoltà per parlare con gli studenti attraverso i sondaggi, come abbiamo fatto lo scorso settembre alla formazione; stiamo avendo modo di confrontarci, di parlare di Gesù e di presentare il gruppo. Non è facile, ma sappiamo che il Signore è con noi e ci da coraggio nel rispondere anche alle domande che gli studenti ci pongono.

Un’altra occasione di incontro, di riflessione ma anche di divertimento è stato il Winter Camp GBU (vedi foto) un weekend in Toscana a cui hanno partecipato alcuni ragazzi dei GBU dell’Emilia Romagna e del GBU Firenze: ringraziamo Dio per averci donato questa possibilità. “Quando per la prima volta ha fatto caldo a Parma noi eravamo in Toscana. Siamo stati accolti anche dalla neve! Tra pupazzi e mani congelate è stato un weekend tranquillo e abbiamo studiato insieme a persone interessanti alcuni capitoli di Isaia. Provare per credere!” (Simona)

Chiediamo preghiera per la festa GBU, per gli eventi evangelistici che abbiamo in cuore di organizzare presto e per gli studenti con cui parleremo nei prossimi mesi: che il Signore possa preparare e toccare il loro cuore.

Tempo di lettura: < 1 minuto

Il gruppo sta molto bene, in questo periodo stiamo organizzando molte attività.

Questa settimana abbiamo svolto la nostra prima conferenza post pandemia in università. Il professor Gavin Cox ha parlato di Biologia vs Bibbia, facendo riferimento alla creazione dal punto di vista scientifico e come esso sia in contrasto con quello che la Parola di Dio dice. È stato un tempo molto, molto bello, abbiamo avuto molti ragazzi che hanno partecipato e siamo stati molto contenti di averla potuta tenere in un’aula universitaria.

Pregate per la prossima conferenza che si terrà a maggio.

Nel nostro gruppo si stanno aggiungendo ragazzi/e nuovi e di questo siamo grati a Dio, ma sappiamo che dobbiamo continuare a pregare perché altri si uniscano a noi e possano conoscere Gesù attraverso di noi.

Vi chiediamo inoltre di pregare per noi coordinatori (Jonathan e Alessia) che in questo ultimo periodo siamo molto, molto impegnati e stiamo avendo qualche difficoltà a stare dietro a tutto, ma ringraziamo i ragazzi del comitato che ci stanno dando una grossa mano nel gestire tutto quanto.

Tempo di lettura: < 1 minuto

Nel nostro gruppo di Roma abbiamo portato avanti una serie sulla differenza tra la religione e l’essere cristiani con degli incontri tra tutti gli studenti di Roma, e altri nelle singole facoltà con buone discussioni.

Chiediamo preghiera per l’affluenza di amici non credenti ma anche per la regolarità dei ragazzi credenti.

Ci sono nuovi studenti Erasmus per questo semestre.

Per ora le restrizioni causa covid non hanno fermato gli incontri, ma chiediamo preghiera anche per i posti dove possiamo incontrarci sia nelle facoltà che quando siamo tutti insieme.
Il prossimo evento/serie prevede la partecipazione di Sara Breuel sul senso della vita: preghiamo che gli studenti possano invitare persone e che ci sia un buon messaggio del vangelo.

Oppure scopri come investire nel GBU

Editoriale

Tempo di lettura: 2 minuti

“Insisti in ogni occasione favorevole e sfavorevole!” (2 Tim 4:2) 

Con queste parole, Paolo esorta Timoteo a predicare la Parola in ogni momento, che sia buono o cattivo. E se ci pensiamo bene, il momento in cui Timoteo lesse queste parole non era dei migliori: Paolo era in prigione, abbandonato da molti e vicino alla morte (4:6-10). Inoltre, erano tempi difficili, come scriveva Paolo (3:1): all’epoca, come oggi, molti erano amanti del piacere anziché di Dio (3:5-6). Eppure qual è l’esortazione?

Predica la Parola, proclama il vangelo, condividi Gesù in ogni occasione, a prescindere dalle circostanze!

Mi chiedo quanto spesso, pensando che non sia il momento migliore, ci tiriamo indietro dal condividere Gesù. “Ah, adesso non è il caso, mi sento uno straccio, come faccio a condividere Gesù?”. “Ma dai, certamente adesso non è il momento perché ancora non lo conosco molto bene, prima devo instaurare una vera amicizia”. Chiaro, vogliamo avere discernimento, sensibilità e guida dello Spirito Santo nel condividere il vangelo, ma, almeno nella mia esperienza personale, troppe volte mi sono trattenuto dal condividere Gesù perché pensavo che il momento non fosse favorevole.

Prova a pensare per un attimo al momento più favorevole che possa esserci: magari sei in pari con lo studio, fisicamente ti senti in forma, i tuoi compagni di corso sono molto aperti a parlare di Gesù e ti fanno domande riguardo alla tua fede. Beh, come non condividere Gesù in questa occasione favorevole? Adesso però pensa al momento più sfavorevole che possa esserci: l’esame non è andato un granché, quel fastidio allo stomaco si fa sentire e i tuoi compagni di corso sembrano apatici a tutto ciò che riguarda la spiritualità. Condividi Gesù anche in questa occasione sfavorevole!

Ma dove possiamo trovare la forza, lo slancio e l’impulso per farlo?

Paolo inizia la sua lettera proprio parlando di questo. Ricorda a Timoteo all’epoca e ad ognuno di noi oggi, che colui che ci ha rivolto questa chiamata è lo stesso che ci ha salvati dalla condanna eterna a causa del nostro peccato.

Infatti, non ci ha salvati a motivo delle nostre opere, ma secondo il suo proposito e la grazia che ci è stata fatta in Cristo Gesù fin dall’eternità, e che è stata manifestata con l’apparizione del Salvatore nostro Cristo Gesù, il quale ha distrutto la morte e ha messo in luce la vita. (1:9-10)

Sulla base di questo, insistiamo nel condividere Gesù, che la situazione sia favorevole o sfavorevole.

Andrea Becciolini

(Staff GBU Firenze)

English