Lode e Preghiera

Autunno 2019

Tempo di lettura: 3 minuti

Vi mandiamo delle notizie dal nostro gruppo a Pisa, gioiosi di sapere che ci sono persone che pregano per l’opera del Signore in questa città in cui tante cose si stanno muovendo!

Siamo partiti quest’anno con due studi alla settimana, in un’aula dell’università, uno in italiano e uno in inglese. Il desiderio di iniziare uno studio in inglese è nato in noi per la presenza di tanti studenti internazionali a Pisa, e in particolare di tre ragazze credenti che avevano il desiderio di impegnarsi in questo. Vi chiediamo preghiera per loro, perché in loro possa essere alimentato il desiderio di servire il Signore in questa stagione in un Paese diverso dal loro e per la loro testimonianza tra gli studenti internazionali con cui sono ogni giorno in contatto.

Gruppo Internazionale

Da questa settimana inizieremo una nuova serie di incontri che saranno diversi dai classici studi induttivi, saranno più simili a discussioni che partiranno da domande, ad esempio inizieremo con “come può un Dio buono permettere la sofferenza?” – chiediamo preghiera per saggezza per chi, di volta in volta, guiderà la discussione in questa nuova modalità e che la Parola di Dio possa essere al centro e inserita nel modo giusto dal moderatore.

Due persone non credenti in particolare stanno venendo ai nostri incontri: M. è una ragazza che viene regolarmente all’incontro in italiano, e R. è un ragazzo internazionale che viene agli incontri in inglese: entrambi sono persone partecipative e molto razionali, pregate perché il Signore possa abbattere le loro barriere intellettuali e ci dia saggezza e grazia nel rispondere alle loro domande.

Conferenza “Does Science Point to God?”

La scorsa settimana abbiamo avuto due eventi: un seminario dal titolo “Does science point to God?”, tenutosi in un’aula dell’università, in cui un biologo ricercatore ha tenuto una conferenza con successivo spazio aperto per domande; sono venuti numerosi studenti che non abbiamo mai visto prima, che hanno saputo del seminario attraverso i volantini e i social network. Pregate che ciò che è stato detto possa operare nei loro cuori e possa essere un piccolo tassello in un percorso che li porti a Dio, anche se noi non dovessimo più essere parte del loro percorso.

Il secondo evento era una cena più informale, a casa del nostro staff, in cui abbiamo invitato amici con cui già da mesi stiamo parlando del Signore, e lo stesso biologo ospite ha guidato delle riflessioni seguite da domande, sul tema “Why the Christian God?”. Pregate per questi nostri amici, che ci conoscono da più tempo e hanno sentito il messaggio del Vangelo in modi diversi, affinché possiamo continuare a testimoniare nel modo giusto attraverso le nostre vite ed avere pazienza nell’aspettare i tempi di Dio.

Unità nel gruppo: ognuno di noi ha impegni numerosi e diversi, ed è difficile incontrarsi al di fuori degli studi biblici infrasettimanali. Da quest’anno abbiamo il desiderio di organizzare regolarmente incontri di preghiera, per poter crescere anche tra di noi e nel desiderio di testimoniare all’università. Pregate per sensibilizzazione di ognuno dei membri credenti, per crescita del desiderio di essere parte questa missione, insieme, come gruppo.

Nuovi coordinatori: quest’anno sono l’unica coordinatrice, con l’aiuto di un altro coordinatore (Luca Basta) che però sta per sposarsi e fa un dottorato che lo impegna molto. Il prossimo anno, anche per me diventerà difficile portare avanti questo ruolo. Pregate per nuovi coordinatori con il desiderio di servire il Signore in questo modo.

Grazie per le vostre preghiere, sono preziose! È un privilegio far parte di questa famiglia e sapere di avere un così grande sostegno in persone che pregano per noi in modo specifico. Che Signore vi benedica!

Tempo di lettura: < 1 minuto

Abbiamo iniziato da un po’ gli incontri e vediamo molto interesse da parte di chi già veniva negli anni passati.

Inoltre abbiamo avuto l’opportunità di fare un annuncio durante un incontro delle chiese Calabresi per far conoscere a tutti il GBU e abbiamo avuto un ottimo riscontro!

Preghiamo che queste nuove persone possano venire ogni settimana e che il gruppo diventi giorno dopo giorno sempre più compatto.

Oppure scopri come investire nel GBU

Editoriale

Tempo di lettura: 2 minuti

I gruppi di Milano, Firenze e Torino hanno sperimentato la distribuzione di una guida “di sopravvivenza” per gli studenti delle loro città, progettandola a partire dalla loro esperienza di universitari. Quali possono essere dei suggerimenti per chi volesse riproporre questa idea nella propria facoltà? Continua a leggere

Questo articolo è disponibile anche in: English